Perchè gli uomini amano le trans?





Sono successe molte cose in queste ultime due settimane. Abbiamo visto uomini autorevoli travolti dallo scandalo. Abbiamo, nostro malgrado, spiato nel buco della serratura nelle camere da letto dei potenti.

Ieri, alle 21.10, Ilaria D'Amico (conduttrice del programma Exit su la7) ne ha discusso con un parterre tutto al femminile: Concita De Gregorio, direttore de L'Unità, On. Gabriella Carlucci, conduttrice televisiva e responsabile spettacolo del PDL, Maria Latella, direttore di A, On. Laura Ravetto, avvocato e deputato del PDL, Irene Pivetti, conduttrice televisiva, già Presidente della Camera, Manila Gorio, attrice e conduttrice televisiva, trans.
Gli uomini che frequentano le trans sono gay? I quesiti dal punto di vista esterno sono numerosi e orientati da numerosi pregiudizi e stereotipi. Dall'altra parte di questa Italia disorientata troviamo gli uomini. Gli uomini, il nuovo sesso debole. Exit già in passato aveva affrontato il disorientamento sessuale e ieri ha proposto quattro pillole di quattro tipologie diverse di clienti di un transessuale. Un trentenne, un intellettuale, un sentimentale e un complessato.
Da esperto in sessuologia clinica l'aspetto che mi ha maggiormente incuriosito è la tipologia di relazione che si instaura tra i trans e i loro clienti: gli uomini vanno dalle transessuali anche per parlare dei loro problemi, in famiglia o sul lavoro. Le trans dicono: "Certo che ci facciamo pagare, ma nessuna prostituta sa ascoltare come facciamo noi. Perché le trans li capiscono davvero, i loro clienti maschi".
Un trentenne che si autodefinisce "curioso" di sperimentare un rapporto ogni 2 mesi con una trans, un intellettuale che consiglia letture dopo aver consumato un rapporto sessuale, un sentimentale, e un complessato che riesce ad esprimersi nel rapporto sessuale solo con un transessuale non rappresentano dal mio punto di vista un reale problema, ma un aspetto della realtà che ha bisogno di essere compreso.
Ognuno dei clienti ha trovato quella modalità per portare delle parti di Sé bisognose, che trovano riparo nel rapporto con le loro "amanti perverse". In queste settimane le persone transessuali sono state definite in qualsiasi modo dall'opinione pubblica, dal "maschio perverso transessuale", alla "donna prostituta transessuale". È vero che la maggior parte dei clienti è sposata, benestante e (spesso) con prole, ma dal mio punto di vista sono tutte storie forti dove risposte preconfezionate non ce ne sono. Ogni caso è a se stante, ogni generalizzazione - specie quando si parla della sfera intima delle persone - indebita, ogni confine liquido.
Al di la dei clienti si trovano delle persone, che vengono etichettate come transessuali. Il disagio psicologico che si cela dietro la condizione transessuale è enorme. Mi è capitato da esperto di parlare con persone transessuali. Qualsiasi gesto, come l'andare la mattina a fare la spesa, per queste persone diventa un problema: risate, insulti... sono solo l'inizio di una spirale violenta che noi stessi ogni giorno continuiamo ad alimentare.

Ho deciso di inserire il link di un piccolo video della serie Cult - Fox Channel Reparto Trans, una docu-story ambientata presso il carcere romano di Rebibbia dove i tre autori, tra le mura del penitenziario, mostrano una realtà sconosciuta ai più: quella del reparto riservato ai transessuali.
Mi piace pensare a questo video come metafora: se ognuno di noi sentisse di poter essere un pezzo di quella cella, un pezzo di quelle sbarre che incatenano l'amore del transessuale del video, forse qualcosa potrebbe cambiare.





Responses

3 Respones to "Perchè gli uomini amano le trans?"

roberta ha detto...

E' un gran bene non generalizzare e non usare luoghi comuni quando si parla di argomenti come questo; bisogna per forza uscire dalle nostre categorie duali per entrare nellla complessità dei comportamenti umani, e quindi della sessualità. Chi vede il mondo in bianco e nero, si sa perde le sfumature di tutte le altre radiazioni esistenti. Quindi grazie per aver parlato di trans senza banalizzare o rendere grottesco un mondo, per molti, solo poco sconosciuto.


10 novembre 2009 14:03
barbara ha detto...

toccante diretto, un modo delicato e reale di parlare di questo mondo così complesso e carico di soffernza.
Spero solo che i clienti di chi traqueste tipologie di persone si prostituisce siano sempre come quelli elencati nell'articolo.
Ancora complimenti


10 novembre 2009 23:50
barbara ha detto...

toccante diretto, un modo delicato e reale di parlare di questo mondo così complesso e carico di soffernza.
Spero solo che i clienti di chi traqueste tipologie di persone si prostituisce siano sempre come quelli elencati nell'articolo.
Ancora complimenti


10 novembre 2009 23:50
|
 
Return to top of page Copyright © 2010-2013 | E' espressamente vietato riprodurre e diffondere, integralmente o parzialmente, i contenuti di Sessuologia Cagliari Blog senza autorizzazione scritta dell’autore e senza citarne la fonte. Per richiedere l'autorizzazione consultare la sezione Informazioni e Contatti. Create by HackTutors