Non ti desidero più - Il calo del desiderio sessuale nella coppia (II parte)



Nel 1974 l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha stabilito che la salute sessuale risulta dall'integrazione degli aspetti somatici affettivi, intellettivi e sociali dell'essere sessuato che consentono la valorizzazione della personalità, della comunicazione e dell'amore. La salute sessuale pertanto rappresenta un importante aspetto che definisce il benessere psico-fisico di ogni essere umano e il desiderio sessuale è una delle sue fondamentali componenti.
Nell’evoluzione della vita di ogni coppia intervengono una molteplicità di fattori che sono in grado di condizionare l’equilibrio di una vita sessuale soddisfacente e appagata.

La sessualità è un aspetto cruciale e complesso nella vita dei partners impegnati in una relazione. Non esiste una modalità giusta di provare desiderio sessuale, e nessuna frequenza di rapporti sessuali è considerata normale o rappresenta un indicatore di un adeguato desiderio sessuale. La sessualità è considerata sana finché non provoca in uno dei membri della coppia emozioni spiacevoli ed insoddisfazione. Un funzionamento sessuale sano permette ad entrambi i partners di provare piacere all’interno di una relazione e a goderne mantenendo aspettative realistiche l’uno dell’altro.

Considerare più da vicino le problematiche relative al desiderio sessuale significa entrare in un ambito della vita a due che include gli aspetti più fragili di entrambi, le debolezze, tutti elementi che in una vita di coppia è necessario esplorare per aprirsi all’esperienza sessuale con maggiore autenticità.

Sono diversi gli elementi che possono disturbare l'esperienza soggettiva di desiderio sessuale, tra questi per esempio quanto una persona sta bene con se stessa, quanto si percepisce attraente, il grado di fiducia verso sé stessa.

Considerare la sessualità nel suo aspetto più meccanico e legato alle performance è un nemico del desiderio sessuale, in quanto concentrarsi su questi elementi distoglie da quelli che sono gli aspetti più autentici dell’esperienza sessuale.

Nella vita a due ciò che avviene a letto è un concentrato di informazioni sulla qualità della relazione, sulla capacità di comunicare e di esprimere le proprie emozioni, sulla comunicazione sessuale e sulla reciprocità, saper chiedere cosa provoca piacere, saper dare piacere al proprio partner.

Se la coppia comunica solo da un punto di vista sessuale tralasciando altre modalità comunicative, i due partner in breve tempo dovranno confrontarsi con la noia. La sessualità rappresenta una delle modalità con cui due partners possono comunicare tra di loro, e superata la fase iniziale della vita di coppia, la sessualità rappresenta una della modalità con cui si può crescere ancora.

Il calo del desiderio spesso segnala un momento della vita di coppia dove non si sta riuscendo a crescere  assieme e a scoprire nuove modalità di entrare in contatto con l’altro.
La sessualità può evolvere e può rappresentare un canale di conoscenza dell’altro se si accoglie la tenerezza, il voler entrare in contatto profondo con il/la proprio/a partner.

Ci possono essere delle situazioni che ostacolano il desiderio sessuale, come per esempio le questioni legate al lavoro, preoccupazioni per i figli ecc… in questi casi è sempre molto importante comunicare al partner le proprie difficoltà. Spesso il calo del desiderio sessuale viene interpretato come diminuzione del sentimento d’amore per il partner. Le incomprensioni possono creare un vuoto all’interno della coppia e congelare qualsiasi slancio emotivo.

Le situazioni che, se non adeguatamente affrontate, possono interferire sul desiderio sessuale sono tante: divorzi e separazioni, lutti, tradimento non adeguatamente superato, difficoltà lavorative e familiari. Per alcune persone il calo del desiderio sessuale è spesso associato ad un profondo senso di colpa che si prova per l’esperienza del piacere sessuale, o al timore di entrare in intimità più profonda con il/la proprio/a partner.

Alcune componenti fisiologiche possono determinare un calo del desiderio sessuale, come per esempio problematiche ormonali, la menopausa, l’andropausa ecc…

Per esempio la menopausa implica una serie di modificazioni biologiche, fisiche e psichiche in grado di avere un impatto significativo sulla relazione di coppia. In questi casi è molto importante per la donna avere consapevolezza di quelli che sono i processi che stanno avvenendo al suo corpo e di attivare tutta una serie di risorse per affrontare il cambiamento. L’impatto sul desiderio sessuale è dato da un minor numero di fantasie sessuali, la riduzione del piacere, bassi livelli di eccitazione e una scarsa vasocongestione.

Se si avverte un calo del desiderio sessuale è molto importante verificare che alla base non ci siano cause organiche che necessitano di adeguati indagini e trattamenti. Il desiderio sessuale non è legato a quanto si è attraenti esteticamente: spesso cercare di diventare più attraenti non aumenta il desiderio nel partner e il tentativo di renderlo/a felice non alimenta la coppia.

Affrontare assieme e andare in profondità per esplorare il calo del desiderio sessuale potrebbe rappresentare un momento di crescita per entrambi i partners, al fine di scoprire le proprie esigenze e quelle dell'altro ed interrogare il proprio corpo.
Stare in coppia è un’avventura affascinante che richiede attenzione, cura, rispetto e accoglienza.



Responses

0 Respones to "Non ti desidero più - Il calo del desiderio sessuale nella coppia (II parte)"

|
 
Return to top of page Copyright © 2010-2013 | E' espressamente vietato riprodurre e diffondere, integralmente o parzialmente, i contenuti di Sessuologia Cagliari Blog senza autorizzazione scritta dell’autore e senza citarne la fonte. Per richiedere l'autorizzazione consultare la sezione Informazioni e Contatti. Create by HackTutors